love me do

formato: Singolo 45 giri
R 4949: 05.10.1962
posizione più alta in classifica (UK): #17
settimane in classifica: 18

Lato A
  1. Love Me Do 02:22
    (McCartney/Lennon)
Lato B
  1. P.S. I Love You 02:05
    (McCartney/Lennon)

Review

Entrambe le canzoni pubblicate sul primo singolo dei Beatles erano state suonate e registrate dai Beatles, insieme ad Ask Me Why e a Besame Mucho, nel corso del primo provino per la EMI, che si tenne il 6 giugno 1962; e in effetti, erano i brani migliori che avessero a disposizione all'epoca.

Entrambe, tuttavia, non erano eccezionali, almeno secondo il parere di George Martin, che cercò di convincerli a registrare How Do You Do It?, un orecchiabile brano di Mitch Murray e Barry Mason in seguito pubblicato sull'Anthology. Ma i Beatles furono irremovibili e riuscirono a imporre un singolo interamente costituito da loro composizioni.

Restava da decidere quale brano destinare al lato A, dato che diversi tra gli addetti ai lavori preferivano P.S. I Love You. Tuttavia, un singolo con lo stesso titolo era già uscito di recente, ed inoltre Love Me Do era una scelta più diplomatica. George Martin infatti non aveva ancora deciso se scegliere John o Paul come frontman della band, e in Love Me Do i due hanno la stessa rilevanza: cantano in armonia quasi tutta la canzone, poi John ha il proprio highlight con il riff di armonica, ricambiato da Paul nella frase in cui strumenti si fermano e lui canta, da solo, "love me do-o".

Se le vendite furono "truccate" da Brain Epstein (è ben nota la leggenda, mai smentita, secondo la quale Epstein avrebbe comprato 10mila copie del disco), il trucco funzionò: Love Me Do raggiunse il 17esimo posto della classifica nazionale dei singoli, portando alla band - all'epoca ben nota nel Merseyside - una notorietà finalmente nazionale. Soprattutto, a questo punto la EMI poteva ritenere che un investimento sulla band non sarebbe stato alla cieca, e a seguito di questo primo incoraggiante risultato, si iniziò a pensare a come proseguire la collaborazione: da questa presa di coscienza nacque tra Epstein e Martin l'accordo, che poi influenzerà la carriera discografica dei Beatles, di realizzare 2 album e 4 singoli all'anno.

Dal punto di vista della registrazione, l'elemento più noto e notevole è la sostituzione di Ringo con il batterista professionista Andy White: insoddisfatto di come Starr suonava Love Me Do, Martin decise di convocare un session man, che fu poi utilizzato per entrambi i brani. Poichè la versione con Ringo alla batteria, fu, per errore, pubblicata sulle prime copie del singolo, rimane tuttora il dubbio su cosa della sua esecuzione non fu reputata all'altezza da George Martin, dato che le due prestazioni sono pressochè indistinguibili. Quale che fosse la ragione, Love Me Do divenne così la prima canzone dei Beatles ad avere due versioni all'interno della discografia ufficiale (seguiranno poi pochi altri brani, come Across The Universe, Get Back, Let It Be).

Commenti