rubber soul

formato: LP 33 giri
PMC 1267 (LP Mono) PCS 3075 (LP Stereo): 03.12.1965
posizione più alta in classifica (UK): #1 per 11 settimane
settimane in classifica: 47

Lato A
  1. Drive My Car 02:30
    (Lennon/McCartney)
  2. Norwegian Wood (This Bird Has Flown) 02:05
    (Lennon/McCartney)
  3. You Won't See Me 03:22
    (Lennon/McCartney)
  4. Nowhere Man 02:44
    (Lennon/McCartney)
  5. Think For Yourself 02:44
    (Harrison)
  6. The Word 02:43
    (Lennon/McCartney)
  7. Michelle 02:42
    (Lennon/McCartney)
Lato B
  1. What Goes On 02:50
    (Lennon/McCartney/Starkey)
  2. Girl 02:33
    (Lennon/McCartney)
  3. I'm Looking Through You 02:27
    (Lennon/McCartney)
  4. In My Life 02:27
    (Lennon/McCartney)
  5. Wait 02:16
    (Lennon/McCartney)
  6. If I Needed Someone 02:23
    (Harrison)
  7. Run For Your Life 02:18
    (Lennon/McCartney)

Review

Di Rubber Soul solitamente si discute se sia l'ultimo album della fase giovanile del gruppo o il primo del loro periodo maturo. Vari argomenti supportano ora l'una, ora l'altra tesi; è però indiscutibile che Rubber Soul sia un grande LP, quasi certamente il migliore fino a questo momento, di certo molto più consapevole e coeso di Help!, sebbene non del tutto immune dai difetti di quest'ultimo e di Beatles For Sale.

Ancora una volta, il forsennato ritmo imposto da Brian Epstein e George Martin (4 singoli e 2 album all'anno) incide pesantemente sul risultato finale, causando l'inclusione di brani che i Beatles avrebbero certamente preferito non utilizzare. In una buona metà delle canzoni, tuttavia, la loro evoluzione verso una nuova direzione artistica, cercata a tentoni nei due LP precedenti, è affrontata con nuova sicurezza e ritrovata coerenza.

Solitamente la critica dà grande importanza al brillante impiego del sitar mostrato in Norwegian Wood; tuttavia i Beatles annoveravano ancora troppi concerti tra i propri impegni per potersi discostare dal loro ormai classico sound, e in effetti per quanto fascinoso e appropriato possa suonare il timbro del sitar, Norwegian Wood resterebbe un capolavoro anche in un arrangiamento "standard". La vera rivoluzione è piuttosto rappresentata dal fatto che in Rubber Soul i Beatles hanno inserito più testi interessanti di quanti ne avessero piazzati nei cinque album precedenti.

Finora, nonostante l'ammirazione per Dylan (che varrà all'artista americano un posto sulla copertina di Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band), i Beatles avevano sempre confessato di dare poca importanza ai testi; soltanto Lennon aveva sporadicamente inserito la componente autobiografica in alcune sue canzoni (I'm A Loser, Help!). La scelta di concentrarsi anche sulle parole costituisce una svolta epocale nel percorso artistico dei Beatles, perchè tale approccio è fondamentale per poter esprimere attraverso la musica le proprie sensazioni. E poichè le loro sensazioni di lì a breve sarebbero state quelle oniriche e rarefatte provocate dall'LSD, essi avrebbero creato, insieme a George Martin, alcuni dei quadri sonori più affascinanti di sempre.

In quest'ottica, i brani più notevoli sono In My Life, in cui l'esperienza e i ricordi personali generano una compiuta poesia che la musica ha il compito di rendere più evocativa, e Drive My Car, che con il suo testo ironico e divertente costituisce la più drastica deviazione finora effettuata dai Beatles dagli standard della canzone d'amore.

Dal punto di vista musicale, il tratto più significativo nel contesto della carriera dei Beatles è la cosidetta liberazione di McCartney come bassista: anche se Paul aveva già composto alcuni accompagnamenti interessanti (soprattutto frasi di walking bass, come in All My Loving, Tell Me Why, Eight Days A Week), a partire da Rubber Soul le sue linee di basso costituiranno con sempre maggiore regolarità uno degli elementi più interessanti del tessuto sonoro dei Fab Four.

Come Help!, Rubber Soul contiene alcuni brani ormai ritenuti classici dei Beatles. In particolare Michelle e Girl sono tra i pezzi più noti di un album che, come A Hard Day's Night - il loro unico precedente lavoro interamente costituito di canzoni originali (una caratteristica che d'ora in avanti sarà una costante) - , mostra che i Beatles hanno compiutamente superato la fase beatlemania per passare a uno stadio superiore. Se il passo oggi appare meno notevole di quanto non sia, è solo perchè presto essi si supereranno nuovamente, e in modo ancora più sorprendente.

Commenti