revolver

formato: LP 33 giri
PMC 7009 (LP Mono) PCS 7009 (LP Stereo): 05.08.1966
posizione più alta in classifica (UK): #1 per 7 settimane
settimane in classifica: 46

Lato A
  1. Taxman 02:39
    (Harrison)
  2. Eleanor Rigby 02:07
    (Lennon/McCartney)
  3. I'm Only Sleeping 03:01
    (Lennon/McCartney)
  4. Love You To 03:01
    (Harrison)
  5. Here, There And Everywhere 02:25
    (Lennon/McCartney)
  6. Yellow Submarine 02:40
    (Lennon/McCartney)
  7. She Said She Said 02:37
    (Lennon/McCartney)
Lato B
  1. Good Day Sunshine 02:09
    (Lennon/McCartney)
  2. And Your Bird Can Sing 02:01
    (Lennon/McCartney)
  3. For No One 02:01
    (Lennon/McCartney)
  4. Doctor Robert 02:15
    (Lennon/McCartney)
  5. I Want To Tell You 02:29
    (Harrison)
  6. Got To Get You Into My Life 02:30
    (Lennon/McCartney)
  7. Tomorrow Never Knows 02:57
    (Lennon/McCartney)

Review

Il credito di cui gode Revolver sin dalla pubblicazione è palese negli eccellenti piazzamenti che l'LP raggiunge in ogni periodica classifica dei migliori album di tutti i tempi: terzo album di sempre nella classifica di Rolling Stones, quarto in quella di Qmagazine, primo in numerose altre graduatorie, stilate da giurie con background e aspettative profondamente differenti. Il motivo di un così unanime consenso non è difficile da scoprire: la sequenza dei brani presenta un impressionante numero di splendide canzoni, solo raramente interrotte da qualche pezzo "normale".

Anche se pochi mesi separano Revolver e il suo predecessore Rubber Soul, la distanza tra questi due dischi è, in termini di suono e composizione, la più ampia tra due dischi consecutivi dei Beatles. L'unico possibile difetto che si può riscontrare è quello di apparire fin troppo trasversale: ed in effetti è fatica trovare un album che ospiti due brani più lontani tra loro di quanto non siano Yellow Submarine e Tomorrow Never Knows.

Tuttavia, la consapevolezza di stare facendo qualcosa di davvero grande fece convergere sempre tutte le forze verso una direzione comune, in modo anche migliore di quanto accadrà nel successivo Sgt. Pepper. Le diverse intenzioni ed influenze di ognuno danno origine ad una sequenza sì eterogenea, ma non conflittuale, rendendo l'album sorprendentemente coeso. 

In Revolver tutti e quattro i Beatles appaiono in splendida forma, e le loro contribuzioni musicali, sia come autori, sia come esecutori, sono molto ben ripartite. A partire da questo disco, si cristallizzano in modo definitivo le differenze di stile tra John Lennon e Paul McCartney.

John prosegue e intensifica la ricerca dell'espressione delle proprie sensazioni ed esperienze attraverso una musica sempre più onirica ed ipnotica, e in molti suoi brani le parti di chitarra saranno assai importanti (l'assolo rovesciato di I'm Only Sleeping, i riff di And Your Bird Can Sing e Dr. Robert, le protuberanti risposte di She Said She Said). Paul invece si distacca dall'esperienza personale per realizzare una serie di ritratti sonori in cui la strumentazione non è rilevante nella genesi del brano, ma viene definita in conseguenza della combinazione tra testo e musica, il che origina una serie di canzoni con arrangiamenti e sonorità molto inconsuete: Eleanor Rigby, For No One, Got To Get You Into My Life.

Il risultato di tale biforcazione compositiva è da un lato una serie di canzoni (di John) in cui acquistano grande rilevanza le prestazioni solistiche di tutti e 4 i Beatles (Ringo in particolare non ha mai avuto finora tanto rilievo quanto in questo album, e la sua performance in She Said She Said è semplicemente straordinaria), dall'altro una manciata di altri pezzi che fanno ricorso a più musicisti esterni di quanti ne siano stati utilizzati nei sei album precedenti.

In aggiunta a tutto questo, la figura di George Harrison, già in grande rilievo, come si è detto, per il ruolo di chitarrista, emerge con inattesa potenza nel ruolo di compositore: Taxman è il suo primo vero pezzo di grande successo, nonchè l'unico suo brano ad aprire un album dei Beatles. Gli altri due brani sono meno notevoli, nonostante Love You To costituisca la prima esplorazione dei Beatles nel territorio della musica indiana; ma è il fatto stesso che i brani siano tre a rappresentare un significativo segnale della sua crescita all'interno del gruppo.

Commenti