a collection of beatles oldies (but goldies!)

formato: LP 33 giri
PMC 7016 (LP Mono) PCS 7016 (LP Stereo): 10.12.1966
posizione più alta in classifica (UK): #7
settimane in classifica: 34

Lato A
  1. She Loves You 02:19
    (Lennon/McCartney)
  2. From Me To You 01:56
    (Lennon/McCartney)
  3. We Can Work It Out 02:14
    (Lennon/McCartney)
  4. Help! 02:16
    (Lennon/McCartney)
  5. Michelle 02:42
    (Lennon/McCartney)
  6. Yesterday 02:03
    (Lennon/McCartney)
  7. I Feel Fine 02:18
    (Lennon/McCartney)
  8. Yellow Submarine 02:40
    (Lennon/McCartney)
Lato B
  1. Can't Buy Me Love 02:14
    (Lennon/McCartney)
  2. Bad Boy 02:17
    (Williams)
  3. Day Tripper 02:47
    (Lennon/McCartney)
  4. A Hard Day's Night 02:34
    (Lennon/McCartney)
  5. Ticket To Ride 03:09
    (Lennon/McCartney)
  6. Paperback Writer 02:17
    (Lennon/McCartney)
  7. Eleanor Rigby 02:07
    (Lennon/McCartney)
  8. I Want To Hold Your Hand 02:25
    (Lennon/McCartney)

Review

Questa sciagurata raccolta di brani troppo diversi tra loro, mescolati senza nessun ordine apparente, si rese necessaria alla fine del 1966, quando fu evidente che, dopo il trionfo di Revolver, i Beatles non sarebbero stati pronti con il nuovo album nei tempi necessari per sfruttare il propizio periodo natalizio.

Poichè il progetto iniziale di Brian Epstein e George Martin prevedeva l'uscita di due LP all'anno, la EMI prontamente realizzò il primo Greatest Hits dei Beatles. Sfortunatamente, questo accadde proprio nel più significativo momento di transizione della band, così che i brani contenuti, sebbene registrati in solo tre anni di attività, finiscano per risultare troppo distanti tra loro, senza che l'appartenenza ad un progetto comune - che efficacemente rimediava al problema in Revolver - possa limitare la percezione di un ascolto quasi radiofonico.

Il risultato è una sequenza sconnessa di splendide canzoni, su cui si baserà in gran parte la successiva raccolta The Beatles 1962-66, che però è compilata - come dovrebbe essere ovvio - con il buon senso di presentare i brani in ordine cronologico, separando in due diversi dischi la primissima fase di Beatlemania dal più maturo percorso musicale iniziato con Rubber Soul.

Al di là di questo, e nonostante il meglio della loro produzione fosse ancora di là da venire, qualsiasi gruppo al mondo farebbe carte false per avere una simile raccolta di successi; l'unico brano che sfigura, in mezzo a tanti capolavori di composizione e/o di popolarità, è la modesta cover di un insipido brano di Larry Williams, Bad Boy. La presenza di questa canzone minore è giustificata solo dal fatto che essa finora era stata pubblicata soltanto negli Stati Uniti; in questo modo, affinchè anche i fan britannici potessero disporre di tutte la canzoni registrate dai Beatles, dovevano necessariamente acquistare quest'album. La mossa, naturalmente, funzionò soltanto sui fan più irriducibili, ma le vendite furono comunque ragguardevoli.

All'epoca, A Collection Of Beatles Oldies But Goldies offriva la comodità di ascoltare su 33 giri alcuni brani disponibili solo su 45 giri, giocando un ruolo, seppur minore, nel percorso di nobilitazione dell'LP che i Beatles avevano intrapreso quasi inconsapevolmente con Rubber Soul e, più deliberatamente, da  Revolver in poi; quegli stessi brani furono altresì resi per la prima volta disponibili in versione stereo.

Poco rilevante alla sua uscita, questo disco è rapidamente diventato del tutto inutile, tanto da venire cancellato dalla EMI già nel 1971, prima ancora di fornire un'alternativa in stereo a 33 giri per i brani di cui sopra - il che suona come una palese ammissione di colpa.

Commenti